Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: per eliminare questo banner e acconsentire all'utilizzo dei cookie fai clic su 'Chiudi’. Per maggiori informazioni consulta l'informativa cliccando su 'Info'.

DIRITTI E LIBERTA’

Evocativo come non mai il titolo di questa edizione di CGIL INCONTRI alla rocca di Serravalle Pistoiese. In un paese, nel quale il carattere della democrazia va pericolosamente degradando, vogliamo riappropriarci del concetto di libertà intesa nella sua accezione più vasta e riaffermare con forza l’esigibilità di diritti di civiltà propri delle moderne democrazie e messi in discussione in Italia.

Parleremo quindi di diritti, a partire da quello al lavoro e di cittadinanza, dei migranti, della libertà di scelta e di autodeterminazione, con numerosi dibattiti dedicati al tema della sempre più drammatica crisi economica e sociale che nonostante i surreali inviti all’ottimismo del premier, colpisce duramente soprattutto i soggetti più deboli.

Vorremmo contribuire a ricostruire alfabeti, in gran parte smarriti dal fronte progressista, per parlare al mondo del lavoro e a chi non si rassegna ad un paese che è messo alla berlina da tutta l’Europa.

Pensiamo sia essenziale, in un paese illividito dalla crisi, dalle paure, non di rado alimentate ad arte da una propaganda che non è esagerato definire di “regime” riappropriarsi con forza di termini come “Libertà” come da tempo dice la CGIL, “sequestrati” dalla retorica del premier e dei suoi corifei e messi al servizio in realtà, di una politica aggressiva tesa a ridurre gli spazi di espressione ad ogni posizione critica.

Sgomenta sentire affermare in televisione come ha fatto nelle scorse settimane il presidente del consiglio che Lui è contrario ad un paese multietnico, facendo finta, per un voto in più, di ignorare i 4 milioni di immigrati regolari, il 10% del PIL nazionale realizzato dal loro lavoro, gli interi settori nei quali, dalle costruzioni all’agricoltura, fino al lavoro di cura, la presenza dei migranti risulta decisiva.

Di questo, di libertà di informazione, di libertà sul lavoro e nel lavoro, di storia, per ricordare da dove veniamo, discuteremo nei 25 dibattiti, in occasione della presentazione dei tanti libri, con gli oltre 150 ospiti, locali, nazionali e internazionali, di vari schieramenti e di varia estrazione, che hanno accettato di partecipare alla 13° edizione della nostra manifestazione.

Non mancheranno la musica, il teatro, l’intrattenimento di vario genere, tutto rigorosamente gratuito.

CGIL Pistoia

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online